Xenitia

Gli attrezzi della salvezza,la fede,il pentimento,l’umiltà il pianto,la sopportazione,la speranza,la pazienza.(Giovanni Carpazio 77)

 

Solo l’amore unisce la creatura a Dio.( Teodoro 5 )
Non può raggiungere l’abito della carità perfetta chi nutre ancora passione verso qualcuna delle cose celesti.(Massimo Confessore 1)
Prega i salmi calmerai le passioni e le agitazioni del corpo esercitando l’intelletto,sarai come un nato d’aquila portato in alto.( Nilo Asceta 82, 83 )
Chi avrà sopportato fino alla fine,questi sarà salvo.(Mt 10,22)
La fede porta il timor di Dio,il timor di Dio ci insegna a custodire i comandamenti.Dalla custodia dei comandamenti proviene l’impassibilità e da essa l’Amore.( Teodoro 47)
“Sacerdoti” sono chiamati quelli che si sono consacrati a Dio intutto e per tutto, in opera di contemntemplazione.( Giovanni Carpazio 78 )
Vivi la xenitia sentendoti di passaggio in questo mondo,rifiutando ogni curiosità,lasciando ogni giudizio, rapportando tutto all’eternità, vivendo nell’incertezza del domani, con il senso della precarietà, del tuo nulla, vivendo come uno straniero nel mondo.La tua preghiera pura deve essere continua e incessante.( Teodoro 60)
Uso autentico e dignità dell’intelletto è la preghiera;se vuoi pregare preparati come un lottatore esperto contro il pensiero.( Nilo Asceta 84,92,133)
Chi ha acquistato la carità sopporta senza turbamento le tristezze e le fatiche che gli vengono da parte dei nemici. ( Talassio 4 )

Nessuno può vincere

book1

Se tutto ciò che è, è stato fatto da Dio e per Dio, chi abbandona Dio si occupa di cose inferiori.( Massimo Confessore 5)

Come le virtù umane attirano la gloria degli uomini così le virtù spirituali attirano la gloria di Dio.( Talassio 10)

Nessuno di noi può vincere gli artifici e le frodi del maligno con la propria forza,ma con l’invincibile potenza di Cristo.( Teodoro 68 )

Come il ricordo del fuoco non riscalda, così la fede senza la carità.( Massimo Confessore 31)

Quando l’uomo pienamente riconciliato è fatto uno con Dio,si unisce a Lui con la preghiera e la contemplazione incessante.( Teognosto69 )

Beato l’intelletto che pregando senza distrazione acquista un sempre maggior desiderio di Dio divenendo spoglio di tutto.( Nilo Asceta 118,119)

Giudica i tuoi pensieri nel tribunale del tuo cuore; quelli buoni riponili nella cella interiore dell’anima, custodendoli in deposito inviolabile ;quelli avversi dopo averli puniti con il flagello della mente ragionevole, bandiscili. ( Teodoro 70 )

Quando l’intelletto,per l’amore della carità verso Dio,esce da se stesso,viene illuminato. ( Massimo Confessore10)

Come il Signore vuole che un uomo si salvi mediante un’altro, così satana cerca di far sì che un uomo si perda a causa di un altro uomo. Sorveglia.( Giovanni Carpazio 88 )

Chi ha sinceramente rinunciato alle cose del mondo e serve il prossimo per amore, si libera rapidamente da ogni passione.( Massimo Confessore 27 )

Se vuoi essere conosciuto da Dio, sii sconosciuto dagli uomini quanto è possibile. (Teognosto 1 )

Custodisci il tuo cuore

Apatia, indecisione, incostanza, freddezza,isolamento alberga nel cuore triste.

Quando il denaro diventa sollievo e sicurezza,  l’idolatria è di casa. 

L’ira dimora nel seno degli stolti. 

Chi si adirerà invano con il proprio fratello sarà sottoposto a giudizio.

Custodisci il tuo cuore dalla tristezza.

Riconciliati con gli altri,la pace subentrerà alla collera.  

Poni ogni vigilanza possibile nel custodire il tuo cuore.

L’abbondanza dei vizi provoca guerra all’anima. 

Frutto del digiuno del corpo, della contrizione del cuore, della perseverante preghiera, della dura fatica è la temperanza dei disordinati impulsi dell’anima.  

Sorvegli i tuoi pensieri, allena la tua mente alla meditazione spirituale scoprirai la serenità del cuore. 

Cura il tuo cuore con ripetuti atti di perdono.

Amarezza, fuga dagli uomini, apatia, ingiuste accuse agli altri e al mondo sono i frutti della tristezza.

Sii uomo di pace e di silenzio.  

 

Vietandoci l’ira negli atti e nel pensiero ci avviciniamo alla beatitudine.

Gioia, pazienza, bontà, fede,umiltà, continenza, mitezza, affabilità sono i frutti dell’uomo spirituale. 

Il desiderio di possedere e di accumulare,  porta con se l’insicurezza, la paura, e il cuore vuoto, vuoto d’amore. 

Cura la tua tristezza con la preghiera, con la speranza in Dio, con la parola di Dio. 

 

Odiare è già uccidere una persona.

La vera guerra dirigila contro te stesso e le tue passioni, non contro gli altri. 

La tristezza secondo Dio produce una conversione salutare perché è unita alla speranza.  

L’amore per il denaro accende il fuoco delle ricchezze, tutto lo zelo va a finire sul lavoro e non c’è più pace.